“TRA NONNO GELO E BABBO NATALE … PER UN MONDO DI EMOZIONI ”

 

“Tra Nonno Gelo e Babbo Natale… un ponte interculturale tra i bambini”  è un'iniziativa che nasce  dalla collaborazione tra la nostra Associazione e l'Istituto Comprensivo “Giovanni XXII” di Isernia.

 

Il progetto ha coinvolto bambini di cinque anni di età delle sezioni A, B e G della Scuola dell'Infanzia del Plesso di San Lazzaro e dei bambini della Scuola dell'Infanzia N1 “Piccolo Mondo” di Reutov, Mosca, Russia.

 

Il progetto ha proposto un contesto di educazione interculturale, volto a favorire processi intenzionali e pianificati in vista delle relazioni tra le culture, con al centro la necessità dell'incontro-confronto tra esse.

 

Partendo dalle loro esperienze e dai loro interessi, le insegnanti coinvolte hanno voluto promuovere l'attenzione educativa e didattica, tendente a sollecitare l'idea di un mondo senza confini, educando al rispetto di se stessi e dell'altro… con i colori, le musiche e le tradizioni di ognuno.

 

 

L'iniziativa è stata scandita in due momenti e suddivisa in due appuntamenti:

 

Il 10 dicembre la scuola di Isernia ha presentato attraverso il collegamento skype, i principali aspetti della tradizione natalizia italiana;

 

Il 12 dicembre la scuola di Reutov ha ricambiato con le abitudini e gli usi del Natale russo.

 

Sono stati riprodotte scenografie la natività con l'accompagnamento della suoneria di zampogna dal musicista Piero Ricci, il gioco della tombola, la preparazione di dolci tipici, l'addobbo l'albero di Natale… tutto in attesa dell'arrivo di Babbo Natale e della Befana, figura ignota alla tradizione russa.

 

Un’esplosione di energia e di entusiasmo da parte di bambini, seppure di così tenera età, tanto curiosi ed aperti ad accogliere il nuovo, opportunamente stimolati dalle insegnanti a "riconoscere che non vi è un solo modo di pensare, di vestirsi, di mangiare, di amare ..." (TB Jelloun).

 

Un ringraziamento va al DS prof. Bruno Caccioppoli, all'USR Molise per la presenza e al musicista Piero Ricci per il suo gentile contributo. Grazie ad Elena Romanenko, nostra partner per gli aiuti umanitari in Donbass, per la complessa organizzazione a Reutov.

 

Un immenso grazie alla nostra attivissima Socia Manuela Fava per il grandissimo risultato

 

Buona visione!