QUANDO IL DESIDERIO DI AIUTARE E' PIU' FORTE DELLA PAURA

russianflag

engflag

 

Georgij, ex bambino ostaggio di Beslan, ospite nel 2004 della nostra Associazione, oggi lavora nella zona Covid della Clinica repubblicana di Vladikavkaz

 

IL 2020 in Russia è stato dichiarato l'Anno della Gloria militare per ricordare il 75° anniversario della fine della seconda guerra mondiale. Si stavano preparando molti eventi su vasta scala, ma alla vigilia del grande Giorno della Vittoria, il 9 maggio, la Russia, come il mondo intero era chiusa in casa, in autoisolamento.

Ed anche lì oggi sono i medici che stanno combattendo in prima linea contro il malvagio COVID-19. Per questo in Russia tutti gli studenti di medicina si sono precipitati nelle corsie in aiuto ai medici che stanno ancora lavorando oltre l’inimmaginabile.

Ognuno di loro ha fatto una scelta vitale: nonostante il rischio di contrarre una terribile infezione, lavora, aiuta a guarire, a vivere.

Georgij Il’in conosce bene la gentilezza del cuore umano e l'importanza di aiutare le persone.

Sfortunatamente ha sentito anche i suoni dell’esplosione delle bombe, ha visto il lavoro del personale medico in condizioni di caos e di guerra.

Di lui a San Marino, nel 2006, fu eretto un monumento a ricordo delle vittime dell'attacco terroristico della scuola n.1  di Beslan. Un bambino spaventato, bloccato in un urlo silenzioso. Per il suo lavoro lo scultore ha preso la fotografia che forse è diventata simbolo della barbarie dei terroristi – Georgij, nel 2004 aveva solo sette anni e si era appena liberato.

 

 

Nel 2004 iniziava la seconda elementare. Insieme a lui andarono alla cerimonia di apertura dell’Anno scolastico sua madre e suo padre, il fratello maggiore Vladimir, la cugina Lira ed i suoi figli: Amirkhan e Zarina.

Zarina avrebbe dovuto iniziare la prima elementare l’anno successivo. Ma la bambina era curiosa ed ansiosa di scoprire come ci si sente a essere una scolara. Avendo convinto sua madre, andò felicemente alla cerimonia di inizio anno. Lira dovette per questo portare con sé anche la sua bambina di tre anni Amirkhan.

Pochi minuti prima che la scuola venisse sequestrata dai terroristi i genitori di Georgij e suo fratello maggiore se ne andarono: Vladimir doveva arrivare velocemente in università.

I terroristi irruppero nel cortile della scuola, iniziarono a sparare, iniziò il panico.

Guardandosi intorno, Georgij vide la gente entrare di corsa nell'edificio scolastico. In uno degli uffici Georgij si nascose con diversi altri bambini. Ma i terroristi li scoprirono e li costrinsero ad andare in palestra. Lì trovò Lira e i suoi figli.

Il primo giorno del sequestro Georgij non capì cosa stava succedendo. Credeva agli anziani che, confortando i bambini, dicevano che sarebbero stati presto rilasciati. Il secondo giorno arrivò la consapevolezza di tutto l'orrore di ciò che stava accadendo.

La mattina del terzo era impossibile respirare. Verso mezzogiorno Georgij si allontanò dai suoi parenti, più vicino alla porta. Pochi minuti dopo ci fu un'esplosione. Rimase stordito. Lui, non sapendo dove correre, corse in avanti. E dietro di loro bambini, uomini armati sparavano da mitragliatrici.

Tutto accadde rapidamente, anche se scorrendo i momenti delle esplosioni, a molti ex ostaggi, genitori, soccorritori che portarono gli ostaggi fuori dalla scuola, sembra che quel tempo si fosse completamente fermato.
Georgij ricorda di essere saltato fuori da una finestra. E poi - come in una nebbia. Essendo in stato di shock, il ragazzo non si rese immediatamente conto che gli avevano sparato ad una gamba, aveva frammenti.

Georgij fu portato in ospedale, dove i suoi genitori lo trovarono. Successivamente fu mandato a Mosca per le cure, alla clinica RDKB. Poi a Trento, ospite per sei settimane della nostra Associazione.

La stessa immagine che ha colpito il mondo intero è stato presa nel cortile della scuola professionale 8, un luogo sicuro dove molti ex ostaggi furono portati nei primi minuti dopo essere stati liberati dall'inferno.

Georgij non ricorda come riuscì a raggiungere la scuola professionale, perché finì lì.

Lira, Zarina e Amirkhan, con i quali Georgij era in palestra, morirono sul posto a causa delle esplosioni. Non è riuscita a sfuggire dalle mani della morte e dai suoi quattro compagni di classe la loro insegnante Irina Chanaeva.

Dopo quegli eventi terribili Georgij non ha osato entrare in una scuola per molto tempo.

Ma dicono che il tempo lenisca tutto. Piano piano è ritornato sui banchi di una scuola.

Dopo la tragedia, molti ex ostaggi hanno deciso di diventare medici o militari per proteggere e aiutare il prossimo.
Quest'anno Georgij stava finendo i suoi studi presso l’Accademia medica dell’Ossezia del Nord. Ma la pandemia causata dall'infezione da coronavirus ha cambiato la vita di ognuno di noi. E invece di prepararsi per l'esame di stato Georgij ora lavora come infermiere nella "zona Covid" della Clinica repubblicana.

Georgij, che non si è indurito dopo tutto quello che ha vissuto, sta contribuendo alla lotta contro l'infezione. L'ex ostaggio sta facendo tutto il possibile per aiutare coloro che ne hanno bisogno ora. Come avvenne quasi 16 anni fa quando il mondo intero aiutò lui e tutta la popolazione di Beslan.

La paura forse certamente ci sarà, ma la solidarietà la supera. Soprattutto quando l’hai vissuta in prima persona.

Grazie Georgij dall’Italia giunga a Te e ai tuoi concittadini, come a Kambolat – un altro bambino ex ostaggio nostro ospite nel 2004 -  anche lui impegnato contro l’epidemia, un grazie da tutti noi.